Ricetta: lasagne di semola “La Molisana” su ricotta di pecora e terra di olive taggiasche

Ricetta: lasagne di semola “La Molisana” su ricotta di pecora e terra di olive taggiasche

Dal primo “seminario del gusto” presso ABC – Arte Bologna Cultura – un gustoso primo piatto a base di pasta La Molisana ispirato alle opere di Davide Dormino.

“I fogli di marmo di Dormino cadendo indicano il punto in cui si ferma la pagina, in cui dalla penna cede l’inchiostro al nulla, si fermano li dove muore la coscienza dell’artista”, commenta lo Chef Pappalardo. “Il mio piatto vuole alleggerire questa definitività. Non ho lavorato per caduta ma per affioramento, usando la ricotta partendo dal principio produttivo; dai grandi calderoni di siero da dove affiorano i fiocchi con leggerezza. Allo stesso tempo anche la terra che ho creato è una terra leggera, non compatta, non pavento o battuto, è terra sparsa che da l’idea della smossa, dell’emersione. Come del gambo di un fiore, il fiore della penna, la letteratura che rinasce sempre!”
L’istallazione di Davide Dormino ad ABC
Lasagne di semola “La Molisana” su ricotta di pecora e terra di olive taggiasche
INGREDIENTI PER 4 PERSONE:
2 sfoglie di lasagna festonata “la Molisana”
240g di ricotta di pecora
10 olive taggiasche denocciolate
70g di pangrattato
100ml di olio extravergine di oliva
1 rametto di timo
1 rametto di origano fresco
60g di Parmigiano reggiano
Sale e pepe qb
PROCEDIMENTO:
In primo luogo accedete il forno e portatelo alla temperatura di 160 gradi, poi in una placca stendete il pangrattato insieme alle olive taggiasche e fate tostare per almeno 45 minuti. Appena pronto frullatelo in un cutter a lama.
Mentre aspettate la tostatura mantecate la ricotta, sfogliandogli dentro le erette e condendola con il sale, il pepe, il parmigiano e l’olio d’oliva. Cuocete la pasta al dente e appena pronta asciugatela e tagliatela a metà ricavando così 4 quadrati. Impiattate mettendo uno strato di ricotta sul piatto,
un po’ di terra,  e sopra la lasagna a coprire.
Finite con un filo di olio evo a crudo.
Molto compiaciuti e soddisfatti gli ospiti intervenuti all’evento!!
Abbinamento con Birra Cerqua:
Marco Lalla, il Mastro Birrai ha abbinato a questo piatto la “Hirundo Galaxy”, una birra dorata con schiuma candida ben presente. All’aroma arriva fresca, floreale, con note esotiche che richiamano il frutto della passione grazie all’utilizzo del luppolo austaliano Galaxy. In bocca prevalgono componenti citriche e agrumate, derivanti dalla luppolatura di stampo americano. Un corpo medio/esile e un amaro equilibrato la rendono facilmente bevibile e dissetante.
Categorie:

Food

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *